Top 10: Padova imprendibile, la sorpresa Ferrarini e “Pasqualone Stregone”

Top 10: Padova imprendibile, la sorpresa Ferrarini e “Pasqualone Stregone”

Un’impresa, una sorpresa e una conferma nella giornata dedicata ai recuperi nel Peroni Top 10 di rugby. In classifica si risolve a favore del Petrarca Padova, che allunga in vetta sugli inseguitori, e delle Fiamme Oro, che aumentano le ambizioni play-off.

L’IMPRESA

—   L’impresa di giornata la firma la squadra della Polizia di Stato espugnando il “Battaglini” di Rovigo all’ultimo respiro. Sotto 19-3 nel primo tempo, nella ripresa piazza un parziale di 28-9 con 3 mete (Guardiano, Mba, Marinaro) e i calci dell’uomo del match Filippo Di Marco, poi convocato al raduno azzurro per il Sei Nazioni insieme ai compagni Alessandro Forcucci e Ludovico Vaccari. L’ultimo piazzato allo scadere per il sorpasso definitivo (31-28). Rovigo è stato sempre in vantaggio, tranne 2’ all’inizio, ma la vittoria va ai rivali. In 60 anni di scontri diretti è solo la sesta volta che le Fiamme espugnano in campionato il “Battaglini”.

LA FRASE

—   Non è la prima volta, invece, che il loro allenatore Pasquale Presutti fa uno scherzo del genere. Anzi ci è abbonato, tanto che a Rovigo lo chiamano “Pasqualone Stregone”. I due più beffardi nella finale scudetto 2011, quando allenava il Petrarca, e nella finale del Trofeo d’Eccellenza 2015 con le Fiamme, entrambe vinte in rimonta. “Fin dal 1970 - confessa Presutti - quando ho iniziato come giocatore, venire al “Battaglini” è sempre stato speciale. Ancora oggi imboccare il viale d’ingresso allo stadio mi emoziona, mi gasa…” e manda nei panico i rodigini.

LA SORPRESA

—   La sigla il Mogliano, in lotta per la salvezza, battendo 36-26 il Valorugby Emilia, secondo in classifica. Anche qui gli emiliani, avanti dal 1’ con la meta di Thomas Dominguez, sono arrivati fino al 19-3 prima di farsi rimontare dalla doppietta di Guarducci, dalle mete dei fratelli Andrea e Nicolò Ceccato, dal colpo di grazia di Bonanno. “I ragazzi hanno dato una lezione di vita a tutti - commenta l’allenatore Salvatore Costanzo - ci sono stati errori, ma l’atteggiamento, la voglia di battersi e l’orgoglio che hanno messo sul terreno di gioco non si possono quantificare”.

NUMERI IMPRESSIONATI

—   Il Petrarca espugnando senza fatica per 35-10 il campo dei Lyons Piacenza conferma la superiorità. Oltre ai 16 punti di vantaggio sulla seconda, ai 450 punti segnati (media 34,61 a gara) con 57 mete (4,3), impressiona il dato della difesa: 209 punti subiti (media 16,07), meno anche del Calvisano (213) che ha tre partite da recuperare rispetto alla capolista.

EROE DEL GIORNO

—   È Mattia Ferrarin, 20 anni, friulano di San Vito al Tagliamento, terzo mediano d’apertura del Petrarca dopo Faiva, Zini e piazzatore di riserva quando mancano lo stesso Faiva e Lyle. A Piacenza assolve nel migliore dei modi il compito: 100% al piede e 15 punti personali, compresa una meta. Nell’Italia delle giovani aperture in azzurro (Garbisi, Marin, Sante, Teneggi) un posto forse se lo ritaglierà anche lui. Ma da buon friulano ha i piedi per terra: “Il mio obiettivo

  • confessa - è fare meglio dell’anno scorso e dare più opzioni alla squadra. Giocare con questa storica maglia per me è già un grande onore”.

LA SITUAZIONE

—   Recuperi 8ª giornata: FemiCz Rovigo-Fiamme Oro 28-31, Mogliano-Valorugby Emilia 36-28; recupero 10ª giornata Sitav Lyons Piacenza-Petrarca Padova 10-35. Classifica: Petrarca punti 58; Valorugby* 42; Rovigo** 35; Colorno 34; Calvisano* e Fiamme Oro 29; Viadana* 23; Lyons* 22; Mogliano** 15; Lazio 7.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/21-02-2022/rugby-top-10-padova-imprendibile-sorpresa-ferrarini-fiamme-oro-rovigo-4301540299301.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: