Sei Nazioni under 20: Italia troppo nervosa, l’Irlanda si impone 39-12

Sei Nazioni under 20: Italia troppo nervosa,  l’Irlanda si impone 39-12

Troppa Irlanda per l’Italia Under 20, che cade al Musgrave Park di Cork per 39-12 nel terzo turno del 6 Nazioni di categoria. A complicare una partita ben preparata ci hanno pensato gli azzurrini stessi, autori di tanti, troppi falli nell’arco degli ottanta minuti. Tre i cartellini gialli assegnati all’Italia: Odiase e Ferrari nel primo tempo, Frangini nella ripresa.

INDISCIPLINA

—   Ben due le penalità fischiate agli azzurri nei primi minuti del match (entrambe a Rizzoli), che permettono all’Irlanda di presentarsi subito dentro i 22 avversari. Nonostante le difficoltà nel contenere l’abbrivio iniziale della maul degli irlandesi, i ragazzi di Massimo Brunello sembrano reggere il confronto tra gli avanti. In seguito a un inizio difficile, l’Italia esce dalla propria metà campo con il gioco al piede, conquistando la possibilità di segnare per prima con un piazzato di Teneggi da posizione favorevole: pioggia e vento condizionano il calcio che finisce a sinistra dei pali. Al primo capovolgimento di fronte, è l’Irlanda a colpire: Campbell rompe due placcaggi, fornendo un’ottima base per lo sviluppo dell’azione, chiusa da Gibbons in meta. Al 7-0 dei padroni di casa si aggiunge il primo cartellino del match, a causa di una reazione di Odiase ai danni del tallonatore irlandese su un punto d’incontro. Così, in pochi minuti, dal possibile 3-0 gli azzurri si trovano sotto nel punteggio e con un uomo in meno. I padroni di casa continuano a spingere e, complici altri due falli fischiati al XV azzurro, si portano sul 13-0 grazie a due piazzati di Tector. L’Italia accenna un tentativo di reazione, risultando tuttavia subito penalizzata da un’altra decisione arbitrale: capitan Ferrari prova a proteggere l’ovale, andando a colpire con l’avambraccio il volto di un avversario e vedendosi sventolare in volto un altro giallo al 36’.

LA REAZIONE

—   Nel momento di maggiore difficoltà, ecco il carattere dell’Italia. Un Odiase in cerca di riscatto forza un tenuto nella metà campo avversaria, e gli azzurri vengono spediti dentro ai 22 grazie al sinistro di Pani. Dalla touche, la maul italiana conferma la superiorità del pack e arriva a pochi centimetri dalla meta, prima che Rizzoli concluda un multifase schiacciando il 5-13 a tempo scaduto, trasformato da Teneggi. Al rientro dagli spogliatoi, gli azzurri spingono alla ricerca della seconda meta di serata, galvanizzati dal finale del primo tempo. Tuttavia, pioggia e vento a sfavore condizionano in maniera evidente i tentativi di imbastire azioni pericolose da parte dell’Under del C.T. Brunello.

LA MAREA VERDE

—   Lo sforzo profuso dagli azzurri non produce gli effetti sperati, anche a causa della difesa avanzante dei padroni di casa. Con il passare dei minuti la spinta dell’Italia si affievolisce e, proprio come successo nella prima frazione, l’Irlanda ne approfitta subito. Devine è lesto nel trovare un buco nella guardia della difesa azzurra asserragliata sulla linea di meta, segnando il 20-7 al 57’. Per la seconda volta nell’arco del match, a una meta dell’Eire corrisponde un giallo ad un atleta dell’Italia: questa volta è il turno di Frangini. Pochi minuti dopo è McLoughlin a chiudere un’azione impreziosita da tre offload in meta, chiudendo definitivamente la partita sul 25-7. Ma l’Irlanda non si accontenta e, tra 70’ e 75’, trova la via della meta altre due volte, complice una difesa azzurra schierata male in entrambe le occasioni: Culhane e Mullins i marcatori. A ridosso del fischio finale, la reazione d’orgoglio dell’Italia, ancora sfruttando la forza e la tecnica degli avanti. I pari ruolo irlandesi non riescono ad arrestare l’avanzamento della maul azzurra, conclusa da Scramoncin per il 12-39 finale.

GLI ALTRI RISULTATI

—   La Francia passa al Dam Health Stadium di Edimburgo per 17-30, chiudendo la pratica scozzese già nel primo tempo con un 18-3 a cui i padroni di casa non hanno saputo rispondere nella ripresa. Nell’altro match di serata la netta vittoria dell’Inghilterra contro il Galles: 43-14 il finale per gli inglesi, che rialzano prontamente la testa dopo la debacle di Monigo.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/26-02-2022/rugby-sei-nazioni-under-20-irlanda-italia-39-12-4301609945517.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: