Sei Nazioni, tocca alle donne: sabato esordio a Grenoble con la Francia

Sei Nazioni, tocca alle donne: sabato esordio a Grenoble con la Francia

È un Sei Nazioni che sa tanto di prova generale per la Coppa del Mondo di settembre in Nuova Zelanda quello che le Azzurre di Andrea Di Giandomenico inizieranno domenica allo Stade des Alpes di Grenoble contro la Francia. Il torneo torna in versione completa (mentre lo scorso anno a causa dei problemi legati al Covid si disputarono solo tre turni) e parte in ritardo rispetto al Sei Nazioni maschile e a quello Under 20 per evitare sovrapposizioni con l’ultimo torneo di qualificazione al Mondiale che ha visto trionfare la Scozia.

“INGLESI E FRANCESI FAVORITE”

—   Delle sei nazionali al via, solo l’Irlanda non sarà (sorprendentemente) in Nuova Zelanda, eliminata lo scorso settembre nel torneo di qualificazione vinto dall’Italia a Parma. Proprio nella città ducale Manuela Furlan e compagne giocheranno i due confronti casalinghi in calendario contro Inghilterra (domenica 3 aprile) e Scozia (sabato 23 aprile). Nel mezzo, il 10 aprile le ragazze saranno impegnate a Cork contro l’Irlanda per chiudere poi il 30 aprile a Cardiff contro il Galles. “Abbiamo messo tutti l’accento sulla particolarità della stagione, visto l’impegno della Coppa del Mondo – conferma Andrea Di Giandomenico -, ma il Sei Nazioni è una competizione che ti assorbe completamente con la sua storia e le sue sfide. Francia e Inghilterra hanno dimostrato a novembre di essere sempre nell’elite mondiale avendo battuto entrambe la Nuova Zelanda e sono quindi favorite. Ma confrontarci con squadre di questa portata è ciò che in questi anni ci ha fatto crescere”.

GRUPPO SOLIDO

—   Del primo gruppo di 24 convocate in vista della trasferta di Grenoble fanno parte anche due esordienti. Si tratta del pilone Emanuela Stecca e della terza linea Alessandra Frangipani, entrambe in forza al Villorba Rugby, stesso club di Sara Barattin, il mediano di mischia che durante le gare di qualificazione alla Coppa del Mondo è diventata la prima a superare i 100 caps con l’Italia femminile. Contro la Francia Beatrice Rigoni ed Elisa Giordano (due delle dieci giocatrici del Valsugana convocate) possono invece arrivare a quota 50 caps. Assenze pesanti in terza linea, dove mancheranno Ilaria Arrighetti e Giada Franco. “Dobbiamo gestire alcuni infortuni – spiega ancora il ct azzurro - , ma siamo soddisfatti del gruppo che abbiamo a disposizione. Sappiamo di poter sempre puntare sulla disponibilità al lavoro di tutte le ragazze, comprese le esordienti che dimostrano il lavoro di sviluppo del rugby femminile che da anni si sta portando avanti”. I gradi di capitano saranno ancora di Manuela Furlan: “Ogni anno indossare la maglia azzurra al Sei Nazioni è un onore ed un’emozione. Sarà un torneo che ci metterà alla prova, ma giochiamo per questo”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/21-03-2022/rugby-sei-nazioni-tocca-donne-sabato-esordio-grenoble-la-francia-4301960222829.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: