Sei Nazioni: Crowley lancia la giovane Italia, in Francia con quattro esordienti

Sei Nazioni: Crowley lancia la giovane Italia, in Francia con quattro esordienti

Due esordienti nel XV di partenza, altri due in panchina, per una squadra giovanissima: Kieran Crowley si prende i suoi rischi e lancia un’Italia senza paura per sfidare la Francia domenica a Parigi (ore 16) nel match che completerà la prima giornata del Sei Nazioni 2022. A esordire dal primo minuto saranno Tommaso Menoncello (20enne della Benetton Treviso) all’ala e Toa Halahifi, 28enne numero 8 neozelandese della Benetton, freschissimo di equiparazione. In panchina andranno invece la terza linea Manuel Zuliani (21 anni) e l’utility Leonardo Marin (20 anni).

GIOVANISSIMI

—   Considerando che Crowley affiderà la mediana al 21enne Paolo Garbisi e al 20enne Stephen Varney, l’intenzione appare chiara: per liberarsi del fardello delle 32 sconfitte consecutive nel Sei Nazioni bisogna affidarsi a chi con quel passato ha poco a che fare. L’operazione era scattata comunque già lo scorso novembre, quando vennero affidati i gradi di capitano al 23enne Michele Lamaro. Crowley affida la maglia di estremo invece all’esperienza di Edoardo Padovani, mentre risolve il dubbio di quella di primo centro puntando direttamente su Marco Zanon, chiamato in raduno questa settimana per sostituire l’infortunato Luca Morisi. Il reparto dove ci si attendeva scelte più delicate è invece quello della prima linea, che deve fare i conti con una lunghissima lista di infortunati: si partirà così con Tiziano Pasquali pilone di destra e Danilo Fischetti a sinistra, mentre Giosuè Zilocchi e Ivan Nemer saranno in panchina. “Un lavoro intenso e di qualità”, ha definito Crowley la preparazione svolta in settimana a Verona. “C’è tanta energia nel gruppo e consapevolezza di scendere in campo in uno dei tornei più importanti del nel mondo del rugby e dello sport”. L’indicazione è al tempo stesso semplice, ma di complicata attuazione: “Sarà importante restare lucidi nei momenti chiave della partita”. Non potrà spettare ovviamente ai tanti giovani il compito di riconoscere questi momenti, la speranza è che possano trovare al loro fianco esempi in grado di guidarli. Da sottolineare che dei 23 giocatori a referto, ben 18 sono della Benetton e due soli delle Zebre, le due franchigie federali.

I BLEUS

—   Decisamente più movimentata la mattinata francese che ha preceduto l’annuncio della formazione. Il c.t. Fabien Galthie ha infatti comunicato la sua positività al Covid con leggeri sintomi: resterà dunque in isolamento e a guidare lo staff tecnico allo stadio sarà quindi Raphael Ibanez, anche se sembra ovvio che Galthie potrà dare il suo contributo seppur solo davanti alla tv. E, a proposito di Covid, sono ben 5 (su 7) i giocatori che faranno parte dei 23 domenica e che sono tornati solo questa settimana al lavoro dopo lo stop per positività: il pilone Cyril Baille, le terze linee Anthony Jelonch e Francois Cros (l’unico in panchina), l’apertura Romain Ntamack e il mediano di mischia e capitano Antoine Dupont. Che, oltretutto, arriva da uno stop ancor più lungo che ne ha ridotto il minutaggio il campionato. “Sappiamo che Antoine - ha spiegato in settimana il responsabile della preparazione atletica Thibault Giroud - aveva un problema al ginocchio che doveva essere risolto: ma con lui siamo abituati ad adattarci. È un giocatore che ha qualità naturali, quindi per lui pensiamo a cose molto specifiche: ovviamente gli manca un po’ di ritmo ma parliamo di un professionista di altissimo livello, che ancora una volta torna in campo molto rapidamente. Cerchiamo di stare attenti a non sovraccaricarlo”. Nel XV di partenza, rispetto all’ultima uscita di novembre con gli All Blacks (40-25), le novità sono la terza linea Dylan Cretin e il tallonatore Julian Marchand.

FORMAZIONI

—   Queste le formazioni per la sfida di domenica a Parigi.

FRANCIA: 15 Melvyn Jaminet; 14 Damian Penaud, 13 Gael Fickou, 12 Jonathan Danty, 11 Gabin Viliere; 10 Romain Ntamack, 9 Antoine Dupont (capitano); 8 Gregory Alldritt, 7 Dylan Cretin, 6 Anthony Jelonch; 5 Paul Willemse, 4 Cameron Woki; 3 Uini Atonio, 2 Julien Marchand, 1 Cyril Baille. A DISPOSIZIONE: 16 Peato Mauvaka, 17 Jean-Baptiste Gros, 18 Demba Bamba, 19 Romain Taofifenua, 20 Francois Cros, 21 Maxime Lucu, 22 Yoram Moefana, 23 Thomas Ramos.

ITALIA: 15 Edoardo Padovani; 14 Tommaso Menoncello, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Marco Zanon, 11 Montanna Ioane; 10 Paolo Garbisi, 9 Stephen Varney; 8 Toa Halahifi, 7 Michele Lamaro (capitano), 6 Sebastian Negri; 5 Federico Ruzza, 4 Niccolò Cannone; 3 Tiziano Pasquali, 2 Gianmarco Lucchesi, 1 Danilo Fischetti. A DISPOSIZIONE: 16 Epalahame Faiva, 17 Ivan Nemer, 18 Giosuè Zilocchi, 19 Marco Fuser, 20 Giovanni Pettinelli, 21 Manuel Zuliani, 22 Callum Braley, 23 Leonardo Marin.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/04-02-2022/rugby-sei-nazioni-formazione-italia-francia-4-esordienti-4301249952896.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: