L'Italia travolge la Spagna e vola al Mondiale in Nuova Zelanda!

L'Italia travolge la Spagna e vola al Mondiale in Nuova Zelanda!

L’Italia è al Mondiale! L’ultima giornata del torneo di qualificazione di Parma ha consegnato alle Azzurre di Andrea Di Giandomenico il biglietto per la Coppa del Mondo del prossimo anno in Nuova Zelanda. Un traguardo costruito nell’ultimo quadriennio, sulla base del gruppo che aveva già giocato in Irlanda nel 2017 con l’inserimento di una nuova generazione di ragazze. Decisiva la vittoria con bonus (34-10) ottenuta contro la Spagna, anche se Sara Barattin e compagne hanno dovuto aspettare il fischio finale di un tiratissimo Scozia-Irlanda per poter davvero festeggiare. Una vittoria irlandese con bonus offensivo avrebbe infatti qualificato le verdi in virtù della vittoria nello scontro diretto con l’Italia. Invece il solito cuore scozzese ha ribaltato ogni pronostico e all’80’ la meta di Rollie trasformata da Law ha dato alle ragazze del Cardo la vittoria 20-18. In Nuova Zelanda le Azzurre saranno inserite nel girone B con Usa, Canada e la vincente del torneo di qualificazione asiatico (sulla carta il Giappone). La Scozia, seconda, andrà invece a giocarsi le ultime chance nel quadrangolare finale contro Samoa, Colombia e la seconda del torneo asiatico. La vittoria italiana contro la Spagna porta la firma della doppietta di Giordana Duca e le mete di Lucia Gai e Veronica Madia (più una meta tecnica).

PRIMO TEMPO SENZA STORIA

—   Dal primo pallone della partita le azzurre hanno messo le tende nella metà campo della Spagna, anche se hanno dovuto aspettare il quarto d’ora per sbloccare il risultato con la maul organizzata da una touche ai 5 metri che ha portato in meta Lucia Gai. In realtà, rimessa laterale è stata più croce che delizia per entrambe le squadre (4 rimesse perse a testa a fine primo tempo), ma le seconde linee dell’Italia si sono fatte sentire eccome con l’ovale in mano. È stata infatti una percussione di Giordana Duca al 17’ a spianare la strada alla seconda meta, finalizzata da un delizioso calcetto di Sara Barattin a scavalcare la difesa raccolto al volo e poi schiacciato a terra da Michela Sillari. L’Italia ha continuato a costruire, ma tra gli errori in rimessa laterale e una difesa spagnola molto stretta e presente sui punti d’incontro, sono arrivati solamente altri 3 punti con un piazzato ancora di Sillari. Alla punizione italiana la Spagna ha replicato con il calcio di Garcia Rodriguez (34’) a premiare la prima visita delle iberiche nei 22 dell’Italia per il 15-3 all’intervallo.

LA RIPRESA

—   Al ritorno in campo sono state le spagnole a prendere in mano la partita. L’indisciplina non ha aiutato le Azzurre ad allentare la pressione e le iberiche hanno riaperto la partita al 55’ con l’ottima linea di corsa di Ardugo Llobregat per la meta sotto i pali trasformata da Garcia Rodriguez. Serve il gioco tattico al piede per risalire il campo e portare pressione. Il piano funziona al 62’ perché da una rimessa azzurra recuperata in qualche modo da Gai, Sgorbini affonda nella linea difensiva spagnola e poi ci pensa ancora Duca a spingere sulle gambe e andare a schiacciare. La trasformazione di Sillari riporta l’Italia sul +12. Una meta importante per il punteggio, ma anche per riportare l’inerzia della partita dalla parte azzurra. Da quel momento, infatti, grazie anche ad un lavoro immenso delle prime 5 ragazze del pacchetto, l’Italia ha ripreso il filo della partita e al 76’ ha messo il sigillo sui 5 punti in classifica con la meta di Veronica Madia, per poi arrotondare ulteriormente nel finale con una meta tecnica.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/25-09-2021/rugby-donne-italia-travolge-spagna-qualificazione-mondiale-un-passo-4201436137872.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: