Italia, tre cambi contro la Francia: ecco Meyer, Mbandà e Sperandio

Italia, tre cambi contro la Francia: ecco Meyer, Mbandà e Sperandio

SABATO ALLE 21.10 A PARIGI . IL C.T. AZZURRO SMITH CONFERMA LA FORMAZIONE VISTA QUEST’AUTUNNO: “TROPPI K.O.? È CRESCIUTA LA PAURA DI SBAGLIARE, LA AFFRONTEREMO”. GALTHIÉ È OBBLIGATO A CAMBIARE 13 UOMINI E A SCHIERARE 5 ESORDIENTI DAL PRIMO MINUTO

Simone Battaggia @sbattaggia 26 novembre - Milano

Una Francia tutta nuova, un’Italia vicinissima a quella vista finora in questo autunno. La sfida di sabato sera sfiderà allo Stade de France (ore 21.1o, diretta Canale 20), terzo turno della Autumn Nations Cup, vivrà anche di questa differenza.

POCHE VARIAZIONI

—   Il c.t. azzurro Franco Smith cambia pochissimo: in terza linea entrano Maxime Mbandà al posto dell’infortunato Jack Polledri (operato giovedì, tornerà disponibile tra 6-7 mesi) e Johan Meyer per Sebastian Negri, che si è fatto male lunedì in allenamento. Tra i trequarti Mattia Bellini lascia spazio a Luca Sperandio. Per il resto viene confermata la regia di Violi e Garbisi, così come il primi cinque uomini. “Non siamo ancora al livello di cambiare spesso - ha spiegato il c.t. -. La macchina migliora lavorando insieme. Chi ha giocato 67 minuti contro la Scozia meritano di essere rivisti. I primi 5 sono molto importanti per me, dobbiamo diventare forti in mischia e siamo lontani da dove vogliamo arrivare. La cosa migliore è dare a questi ragazzi possibilità di fare esperienza. Nel mio modo di vedere, anche per 9, 10 e 12 è importante dare continuità”. Due novità si riscontrano anche in panchina, dove per la prima volta trovano spazio il seconda linea Christian Stoian e il terza linea Michele Lamaro. “Stoian è un ragazzo che ha iniziato tardi a giocare a rugby, è stato necessario fare tanto lavoro sulle sue abilità base, ma è una persona che si impegna tantissimo, ha grande forza in mischia, presenza fisica, è importante in maul e nei punti di incontro. Fa un lavoro poco vistoso, è bravo nel breakdown a creare palle veloci. Lamaro lo conoscete meglio, è un ragazzo pieno di talento, un leader. Insieme a Mbandà porta qualcosa di diverso rispetto alle altre terze linee”. Smith ha anche parlato del lato psicologico del lavoro di questa squadra: “Purtroppo in Italia pian piano è cresciuta tra i giocatori la malattia della paura di sbagliare, di non voler essere una delusione. Abbiamo parlato francamente di questo, abbiamo un piano per affrontarlo. Ma così come perdere, anche vincere può diventare un’abitudine”.

FRANCIA RIVOLUZIONATA

—   Tredici cambi, cinque esordienti e un lutto profondo nel cuore e al braccio. Ancora scioccata dalla tragica morte di Christophe Dominici, la Francia sarà una squadra sperimentale e proprio per questo sarà se possibile ancora più pericolosa perché darà a tante “seconde scelte” la chance di mettersi in mostra. Il c.t. Fabien Galthié, infatti, ha gran parte della squadra titolare indisponibile perché deve sottostare all’accordo tra federazione e lega dei club, secondo il quale gli internazionali non possono essere presenti nel foglio gara dei Bleus in più di tre occasioni. Dopo le vittorie con Galles, Irlanda e Scozia, quindi, non ci sarà il capitano Charles Ollivon (fascia al mediano di mischia Baptiste Serin), ma nemmeno stelle come Dupont e Vakatawa, autore della meta decisiva a Edimburgo. Gli esordienti saranno il pilone Rodrigue Neti, le seconde linee di chiare origini italiane Killiam Geraci e Baptiste Pesenti, l’ala Gabin Villière e il centro Jean-Pascal Barraque, capitano della Nazionale a

  1. Il solo giocatore abitualmente titolare tra i 15 sarà l’ala Teddy Thomas.

FRANCIA: Dulin; Thomas, Barraque, Danty, Villière; Jalibert, Serin (cap); Macalou, Jelonch, Woki; Pesenti, Geraci; Aldegheri, Mauvaka, Neti. A disposizione: Baubigny, Kolingar, Atonio, Cazeaux, Rebbadj, Couilloud, Carbonel, Moefana.

ITALIA: Minozzi; Trulla, Zanon, Canna, Sperandio; Garbisi, Violi; Steyn, Meyer, Mbandà; Cannone, Lazzaroni; Zilocchi, Bigi (cap), Fischetti. A disposizione: Ghiraldini, Ferrari, Ceccarelli, Stoian, Lamaro, Varney, Allan, Mori.

26 novembre 2020 (modifica il 26 novembre 2020 17:59)

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/26-11-2020/rugby-italia-tre-cambi-contro-francia-ecco-meyer-mbanda-sperandio-3901177368096.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: