Italdonne, con la Scozia via alle qualificazioni mondiali. Di Giandomenico: “Massima fiducia“

Italdonne, con la Scozia via alle qualificazioni mondiali. Di Giandomenico: “Massima fiducia“

Nell’estate magica dello sport italiano c’è ancora una nazionale a caccia di un risultato storico. È quella delle ragazze del rugby, che da lunedì a Parma scendono in campo per provare a staccare un biglietto per la Coppa del Mondo che si svolgerà in Nuova Zelanda nel

  1. Le avversarie di Sara Barattin e compagne saranno Scozia (prima avversaria alle 15 di lunedì), Irlanda (domenica 19 alle 15) e Spagna (sabato 25, sempre alle 15) in un girone all’italiana che premierà solamente la prima classificata, mentre la seconda potrà giocarsi un ultimo jolly nel Torneo di Qualificazione Finale.

EQUILIBRIO

—   Per tutte e quattro, dunque, vietato sbagliare. Facile a dirsi, meno da mettere in pratica in questo mini torneo in cui alla vigilia non sembra esserci una vera favorita: “In partenza vedo quattro squadre appaiate”, spiega il c.t. delle azzurre Andrea Di Giandomenico. “Qualcuno potrebbe dire che l’Italia ha il vantaggio di giocare in casa, ma è un favore che la squadra si è meritata nel tempo perché dall’ultima Coppa del Mondo siamo sempre stati avanti nel ranking ai nostri avversari. Ma sono cose che negli 80 minuti in campo si annullano. Ogni partita sarà una storia a sé. Già dalla prima gara l’errore potrebbe essere di pensare che andrà esattamente come è andata ad aprile in Scozia. Non è così”. Tra le insidie della prima partita con la Scozia ci sono anche le tensioni di una lunga attesa per questo appuntamento che il Covid ha rimandato di oltre un anno: “I continui rinvii, l’incertezza sulla formula, tutto ha contribuito ad accumulare tensione. Non è stato facile programmare e riprogrammare, ma la squadra ha risposto in maniera eccellente. La posta in palio è importante e questo accresce l’ansia ma anche la voglia di giocare”.

OCCHIO ALLA SPAGNA

—   Se Scozia ed Irlanda sono avversarie conosciute, Di Giandomenico invita a non prendere sottogamba nemmeno la Spagna, vincitrice del Championship Rugby Europe nel 2020 e forte di ottime individualità provenienti dalla Nazionale Seven: “Il fatto che giocheremo contro di loro la terza partita ci permetterà di analizzarle per conoscerle meglio e arrivare preparati. Il gruppo della Seven, che partecipa alle World Series, ne fa una squadra molto temibile negli spazi allargati. Prima di pensare alla Spagna ci sono però altre due partite, da affrontare con la giusta concentrazione e nel giusto ordine. Dobbiamo prima di tutto essere focalizzati su noi stessi e fare un passo alla volta”.

FIDUCIA

—   L’appuntamento di Parma arriva prima del via della stagione di club e vede le Azzurre costrette a rinunciare ad alcune giocatrici importanti soprattutto in prima linea: “Sono due aspetti che possono rivelarsi critici. La mancanza di partite si è forse sentita maggiormente nello scorso Sei Nazioni. In questo caso arriviamo invece da un’estate in cui abbiamo potuto svolgere diversi raduni in cui le ragazze hanno lavorato molto bene. Abbiamo delle assenze, ma abbiamo la migliore squadra possibile e c’è massima fiducia nelle ragazze che scenderanno in campo. Abbiamo l’esperienza delle veterane e l’entusiasmo delle debuttanti, ma soprattutto abbiamo un’identità di gioco costruita nel tempo che le giocatrici sanno interpretare in maniera profonda”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/10-09-2021/rugby-italdonne-girone-qualificazione-coppa-del-mondo-4201146998502.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: