Garbisi dice addio a Treviso: due anni a Montpellier

Garbisi dice addio a Treviso: due anni a Montpellier

Paolo Garbisi ha firmato un biennale con il Montpellier, nel Top 14. L’annuncio è arrivato nel primo pomeriggio dal club francese.

LIVELLO ASSOLUTO

—   Veneziano, mediano d’apertura classe 2000, cresciuto al Mogliano, Garbisi è stato tra i protagonisti dell’ultima stagione, sia in maglia azzurra — Franco Smith l’ha lanciato come regista azzurro facendolo esordire il 24 ottobre 2020 a Dublino contro l’Irlanda con il numero 10, maglia con cui avrebbe collezionato, da quel giorno 10 caps da titolare —, sia nel Benetton, con cui ha vinto la Rainbow Cup meritandosi anche il premio di uomo del match al termine della finale contro i Bulls sudafricani. Si tratta di una perdita pesante proprio per Treviso, che già aveva visto partire Allan per gli Harlequins. Per Garbisi però è la conferma di aver raggiunto un livello di gioco assoluto. “Sono davvero felice di raggiungere un grande club come il Montpellier. Non vedo l’ora di riprendere la stagione e cominciare questo nuovo capitolo della mia carriera in un nuovo Paese”.

“ENTUSIASTA DI VENIRE”

—   Paolo è stato il miglior giocatore italiano dell’ultimo Sei Nazioni

  • ha detto Philippe Saint-André, allenatore del Montpellier che in questa stagione aveva battuto il Benetton ai quarti di Challenge -. E’ un po’ la pepita del rugby italiano. Ha davvero voluto accogliere la sfida di fare un passo in avanti e di giocare in un nuovo club. Noi, con la partenza di Alex Lozowski e di Johan Goose, avevamo davvero bisogno di un giocatore come lui, capace di giocare 10, 12, 15, e di calciare. Siamo contento di averlo con noi per due anni, ha voglia di venire, di crescere, di allenarsi in una struttura professionale anche se il suo resta un percorso doppio perché continuerà i suoi studi e avrà un contratto “Espoir”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/09-07-2021/rugby-garbisi-dice-addio-treviso-due-anni-montpellier-4102628423481.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: