Colorno, ecco Franco Smith. Nessuno scherzo: è il primogenito (omonimo) del c.t.

Colorno, ecco Franco Smith. Nessuno scherzo: è il primogenito (omonimo) del c.t.

IL CLASSE 2000 ARRIVA AI PARMENSI DAI CHEETAHS: “CONOSCO LE SUE QUALITÀ FIN DA QUANDO ERA PICCOLO”, LO HA PRESENTATO IL D.S. TRAVAGLI

L’Italia del rugby raddoppia i Franco Smith. Oltre al padre commissario tecnico azzurro, dalla presentazione ufficiale di venerdì 13 novembre (ma è in Italia dal 26 ottobre) può fare affidamento anche sul figlio. All’anagrafe censito Francois Petrus Smith, per tutti semplicemente Franco, come il papà. In Sudafrica è possibile dare lo stesso nome, da noi no. Franco Smith II (o junior) è un nuovo giocatore del Colorno in Top 10.

COME PAPÀ

—   Ha vent’anni, gioca apertura-centro come il padre (buon sangue non mente), è cresciuto nel Grey College di Bloemfontein (uno dei più quotati nella palla ovale), ha indossato la maglia del Sudafrica under 20, fino a ottobre ha fatto parte dei Cheetahs sempre under 20. Ora ha scelto l’esperienza italiana accanto al padre. Un ritorno, per lui. Molti a Treviso si ricordano quel bambino dalla zazzera bionda correre sul prato di Monigo dopo le partite, o militare nelle giovanili, quando il padre giocava e poi allenava al Benetton. Proprio su questo asse della memoria è maturata l’opportunità che l’ha portato a Colorno.

PARLA TRAVAGLI

—   Ero insieme a Franco Smith nel Benetton vincitore del campionato 2003/04, lui mediano d’apertura, io mediano di mischia - racconta Pietro Travagli, trevigiano, direttore sportivo del Colorno, dipendente della Prefettura di Parma - Un’esperienza stupenda. Giocava la situazione a un centimetro dalla linea di vantaggio come non ha visto fare a nessun altro. Da allora siamo sempre rimasti in contatto. Quando ho sentito che per il figlio avrebbe gradito un’esperienza italiana abbiamo avviato l’operazione. Le sue qualità rugbistiche le conoscevo fin da quando era piccolo. Il nostro club cercava un’apertura-centro. Lui è di formazione italiana, avendo giocato nelle under del Treviso, e non occuperà uno dei tre posti per gli stranieri. Così tutto si è concluso per il meglio”.

SCELTA CONSAPEVOLE

—   Franco Smith jr. è nato il 3 maggio 2000 a Newport, in Galles, altro posto dove il padre ha giocato. È una sorta di cittadino del mondo. “Sono molto contento di essere tornato in Italia e cominciare una nuova avventura qui - sono le sue prime parole - ringrazio Colorno per avermi dato questa occasione e spero di poter ricambiare presto sul campo la fiducia. Ho fatto una scelta consapevole, ho voglia di mettermi alla prova come giocatore e persona, sono sicuro di poterlo fare qui”. Sotto gli occhi di papà. Che quando sarà a Parma per lavorare con le Zebre, in chiave nazionale azzurra, allungherà in direzione Colorno per vedere come se la cava il figlio. Magari fra qualche anno, se Franco jr. lo meriterà, lo vedremo equiparato con l’Italia “sedere alla destra del padre”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/14-11-2020/rugby-colorno-ingaggiato-franco-smith-figlio-ct-nazionale-390840967336.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: