Challenge Cup, Treviso cede nel finale a Lione: 25-10

Challenge Cup, Treviso cede nel finale a Lione: 25-10

Treviso lotta ma cede al Gerland contro Lione per 25-10 al termine di una partita equilibrata. Nonostante le tante indisponibilità tra le fila dei leoni, il Benetton crolla solamente negli ultimi dieci minuti di gioco in inferiorità numerica, frutto di un giallo comminato a Lucchesi al 73’. Ottima la prestazione difensiva per settanta minuti da parte dei biancoverdi, che peccano tuttavia di lucidità in alcune scelte offensive, probabilmente a causa del dispendio di energie per arginare le folate offensive dei francesi, a loro volta spesso e volentieri imprecisi. Adesso Treviso per passare il turno dovrà giocarsi il tutto per tutto in casa contro Perpignan ad aprile, nella quarta e ultima sfida di Challenge Cup.

PRIMO TEMPO

—   L’atteggiamento dei ragazzi di coach Bortolami è ai limiti della perfezione, soprattutto per quanto concerne la pressione difensiva. Da un’ottima salita derivano ottime occasioni per i leoni, che provano a sorprendere i padroni di casa in transizione: al 7’, Berdeu salva con una francesina su Ioane una meta quasi certa per il Benetton. Dopo quindici minuti, il primo strappo alla partita è fornito dai francesi: Doussain prova un calcetto da punto d’incontro, Dumortier raccoglie e dalla ruck Kaabèche vola a schiacciare la prima meta di serata. Sul calcio di Treviso, un in avanti di Lione proietta subito i leoni nei ventidue avversari. Dalla mischia dominata dal Benetton ne deriva una buona piattaforma di gioco che permette dopo poche fasi a Brex di marcare. E’ lo stesso centro a tenere fermo il pallone per il 7-7 di Leonardo Marin. Berdeu piazza il 10-7 approfittando di un’altro fallo commesso da Treviso, prima che la dea bendata volti un’altra volta le spalle al Benetton. Un altro rimbalzo sfortunato su calcio di Doussain manda in meta Dumortier, che approfitta dell’errato posizionamento della seconda linea difensiva dei biancoverdi. Gli ospiti reagiscono con grande carattere stazionando nella metà campo di Lione, raccogliendo un fallo francese che permette a Marin di riportare Treviso sotto il break all’intervallo.

SECONDO TEMPO

—   Poche le emozioni nella seconda frazione di gioco, in cui i padroni di casa provano a segnare la meta del break ma risultano troppo imprecisi una volta entrati nei 22 del Benetton. Ben tre i palloni persi dai francesi da situazione favorevole derivata da touche, complice anche una difesa ben piazzata e concentrata nel rispondere agli assalti dei lionesi. Treviso prova a reagire con sporadiche azioni offensive, senza tuttavia creare troppi patemi ai padroni di casa. Al 73’ l’arbitro Tempest punisce i ripetuti falli commessi dai leoni con un giallo a Lucchesi, reo di non essere rotolato via su un punto d’incontro. Lione non si lascia sfuggire l’occasione e ne approfitta per aumentare il proprio vantaggio. E’ Sopoaga a scavare il primo solco con il piazzato che porta i padroni di casa sul 18-10. Proprio nel momento di maggiore difficoltà, Treviso reagisce con una grande azione personale di Albornoz che, una volta placcato, tenta un offload senza compagni in sostegno: il Lou raccoglie l’ovale e con quattro passaggi al largo libera Mignot che si tuffa indisturbato in area di meta; Sopoaga non fallisce e fissa il punteggio sul 25-10. Il Benetton prova a tuffarsi nella metà campo avversaria con grande orgoglio, ma l’ennesimo tenuto forzato dai padroni di casa chiude l’incontro.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/21-01-2022/rugby-challenge-treviso-cede-finale-lione-25-10-4301032868099.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: