Benetton, la nuova stagione si prepara anche con la Malamocco Race

Benetton, la nuova stagione si prepara anche con la Malamocco Race

Dalla Rainbow Cup di rugby alla Malamocco Race di voga veneta. Il Benetton Treviso dopo aver chiuso la stagione col primo trionfo internazionale di un club/franchigia italiano, l’ha riaperta all’insegna della goliardia agonistica. A tre settimane dal raduno i trevigiani si sono ritrovati in Laguna a Venezia per il primo team building. Obiettivo cementare il gruppo, mettere alla prova la preparazione atletica con una disciplina non meno faticosa e onorare l’amicizia del Gruppo Bevanda Malamocco.

Associazione di promozione sociale del Lido che ha stretto un legame speciale col Benetton, spesso ospite qui, e il mondo del rugby, sabato alla festa annuale ha premiato la “leggenda” Stefano Bettarello, grazie all’amicizia con Fabio Ongaro, assistant coach biancoverde. Nel 2019 quando l’Inghilterra era a Treviso a preparare i Mondiali il ct Eddie Jones ha portato proprio a Malamocco la squadra a mangiare scampi (la festa si chiama “Scampata d’agosto”) e respirare la magia di Venezia.

GARA SERIA

—   La Malamocco Race, fra risate e abbuffata finale, si è rivelata una gara seria. “Una staffetta di voga veneta in tre regate su caorline, le tipiche imbarcazioni veneziane - racconta Cristiano Capponi, vice presidente del Gruppo Bevanda - I giocatori del Benetton sono stati divisi in quattro squadre. Su ogni barca quattro di loro e due vogatori delle remiere veneziane, il provino davanti e il poppiere dietro, perché a vogare in piedi non s’impara in un giorno.

Teatro di gara lo specchio di laguna al Lido davanti all’isola di Poveglia”. Una mini regata storica, insomma, trasformata in regata ovale. A vincerla è stata la squadra blu, sull’imbarcazione della Voga Veneta Lido, in 9’45”02. A loro è andata la bandiera rossa, premio del primo classificato, la medaglia d’oro (in clima olimpico) della voga veneta.

NOMI

—   Merita ricordare i nomi dei rugbisti che la componevano, molti nazionali: Padovani (capitano), Faiva, Alongi, Lamaro, Zanon, l’under 18 Sharku, Pasquali, Lazzaroni, Steyn, Petrozzi e Zani. A loro va il primo successo stagionale, in attesa di quelli nel rugby. A seguire la squadra arancio con la Canottieri Giudecca in 10’18”49 (vincitrice della bandiera bianca), la squadra gialla con la Remiera Cannareggio in 10’59”80 (bandiera verde) e la squadra rossa con il Club Nautico San Marco in 12’00”32 (bandiera blu).

In quest’ultima il permit player Giacomo Nicotera, tallonatore triestino campione d’Italia con la FemiCz Rugby Rovigo, ha celebrato la fine della regata e lo scudetto con un tuffo in laguna. Nota di merito anche per lo staff tecnico fuori gara: coach Marco Bortolami, gli assistente Ongaro, Masi, Gustard e gli altri con la Remiera Casteo hanno chiuso in 10’02”94 che sarebbe valso un ottimo 2° posto. Così gli sfottò dei “vecchietti” contro i giovani sono piovuti come gli scampi sui piatti nel terzo tempo.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/10-08-2021/benetton-nuova-stagione-si-prepara-anche-la-malamocco-race-420340030562.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: