Sei Nazioni, subito la Francia. Furlan: “Non giochiamo per arrivare terze“

Sei Nazioni, subito la Francia. Furlan: “Non giochiamo per arrivare terze“

Non c’è due senza tre. Domani, domenica 27 marzo, alle ore 16 a Grenoble parte il Tik Tok Sei Nazioni dell’Italia femminile del rugby contro la Francia. L’obiettivo sarà continuità ai risultati positivi dei maschi. La Nazionale dei big vincendo 22-21 in Galles ha interrotto un digiuno lungo 7 anni e 36 partite nel torneo. L’Italia under 20 ha centrato il record di successi in un’edizione (3) e raggiunto a livello storico i grandi (13 vittorie e un pari in 23 edizioni). Quale sarà il contributo dell’Italdonne alla primavera fiorita del rugby italiano?

IL RECORD

—   In realtà le azzurre un primato lo possiedono da tempo. Sono la nazionale più vincente: 31,9% di risultati utili nel torneo (21 vittorie e 2 pareggi in 79 gare, sono entrate solo dal 2007) contro il 12,38% dell’Italia under 20 e il 12,17% dell’Italia maggiore. Sono l’unica nazionale ad aver conquistato un 2° e un 3° posto in classifica, nel 2019 e 2015. Quindi devono solo confermarsi; vincendo possibilmente tre partite, l’Irlanda avrà ancora dubbi dopo la clamorosa eliminazione dal Mondiale, e provare a insidiare sulla carta le inarrivabili Inghilterra e Francia. “Non scendo in campo per arrivare terza - conferma la capitana Manuela Furlan - Il pensiero di poter battere le inglesi rimane”.

SFIDA ALLA FRANCIA

—   Si comincia dalla fortissima Francia, a caccia di una vittoria nel torneo che manca dal 2018. L’Italia l’ha battuta 2 volte in 14 incontri, sempre in casa (2015 e 2019). Farlo in trasferta sarebbe una nuova, storica, prima volta. Rispetto all’ultima gara, vinta 29-7 in autunno contro la Nuova Zelanda, le francesi cambiano 4 giocatrici: Joyeux pilone, la fuoriclasse Fall portata in seconda linea, Chambon mediano di mischia alla 2ª presenza e Murie all’ala. Parte dalla panchina Emilie Boulard, autrice della meta più bella del 2021 secondo World Rugby, come farà Sara Barattin, che aveva ricevuto anche lei la nomination. L’Italia risponde con 6 cambi nel XV rispetto all’ultima partita vinta con la Spagna e con 2 esordienti in panchina (Stecca e Frangipani). Beatrice Rigoni, nel XV mondiale 2021 come centro, è schierata mediano d’apertura. Lei ed Elisa Giordano toccano la 50ª presenza. Sara Tuonesi rientra dopo un lungo infortunio.

IL COMMENTO DEL C.T.

—   “La Francia è una squadra che può sfidare gli avversari in molti aspetti del gioco - spiega il ct Andrea Di Giandomenico - Sono dure nei contrasti, sono forti nella velocità di ridistribuzione in campo, in attacco e in difesa. Ti sfidano con il loro gioco al piede”. Hanno un pack potente che mettere la squadra sempre in avanzamento. La partita sarà perciò “una grande opportunità per misurare come siamo e il lavoro da fare per migliorare”.

LA FORMAZIONE

—   15 Manuela Furlan (Villorba) (c), 14 Aura Muzzo (Villorba), 13 Michela Sillari (Valsugana Padova), 12 Alyssa D’Inca (Villorba), 11 Maria Magatti (Cus Milano), 10 Beatrice Rigoni (Valsugana), 9 Sofia Stefan (Valsugana), 8 Elisa Giordano (Valsugana), 7 Isabella Locatelli (Colorno), 6 Francesca Sberna (Calvisano), 5 Giordana Duca (Valsugana), 4 Sara Tuonesi (Romagnat), 3 Lucia Gai (Valsugana), 2 Melissa Bettoni (stade Rennais), 1 Gaia maris (Valsugana). A disposizione: 16 Vittoria Vecchini (Valsugana), 17 Emanuela Stecca (Villorba), 18 Sara Seye (Calvisano), 19 Valeria Febrighi (Stade Toulousain), 20 Alessandra Frangipani (Villorba), 21 Sara Barattin (Villorba), 22 Veronica Madia (Colorno), 23 Vittoria Ostuni Minuzzi (Valsugana).

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/6-nazioni/26-03-2022/sei-nazioni-rugby-femminile-domani-italia-affronta-francia-4302034656881.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: