Sei Nazioni femminile, Francia batte Italia 39-6 all'esordio

Sei Nazioni femminile, Francia batte Italia 39-6 all'esordio

Esordio con sconfitta prevedibile per l’Italia contro la Francia nel Tik Tok Sei Nazioni femminile di rugby. A Grenoble c’erano di fronte la 3ª e l’ 8ª forza del ranking mondiale, valori troppo distanti per essere colmati. Il risultato finale di 39-6 (pt 17-6, mete 5-0) non rende però giustizia alla buona prestazione delle italiane, coraggiosa e tecnicamente incoraggiante in vista dei prossimi match del torneo. Hanno fatto sudare alle francesi la meta del bonus fino a 5’ dalla fine. E non è poco. Fra le azzurre esordio dalla panchina della 19enne terza linea Alessandra Frangipani e della 25enne pilone Emanuela Stecca, entrambe del Villorba.

PRIMO TEMPO

—   Equilibrio nel primo quarto d’ora. Segnato dai due calci al 3’ e al 5’ di Caroline Drouin e Michela Sillari per il 3-3. Poi la maggiore fisicità della Francia, come previsto dal ct Andrea Di Giandomenico alla vigilia, prende il sopravvento. Aiutata dall’indisciplina delle azzurre che nei primi 40’ concedono 8 calci. Così arrivano le 2 mete trasformate. A 17’ di forza della “gigantessa” Madoussou Fall, eletta giocatrice del match; al 25’ del numero 8 Emeline Gros dopo un’insistita serie di avanzamenti sull’asse e di pick and go dentro ai 22 metri. A muovere meglio il pallone in attacco è però l’Italia. I trequarti mostrano una spettacolare capacità di trovare intervalli e spazi alla mano. Due break del genere del centro Alyssa d’Incà al 32’ e al 39’, ben sostenuta dalla compagne, portano a un passo dalla meta. Manca solo l’ultimo dettaglio. Peccato, l’Italia l’avrebbe meritata. Invece deve accontentarsi al 33’ del secondo calcio di Sillari, parziale sul 17-6. Sillari poi uscita al 52’ per aver picchiato la testa a terra su un duro placcaggio di Fall.

SECONDO TEMPO

—   Nella ripresa a fare la differenza è l’asfissiante difesa in pressione delle francesi, unita alla superiorità in mischia (3 degli 8 falli azzurri commessi in chiusa). L’Italia supera la metà campo solo 3 volte perdendo palla per un fallo in mischia, un tenuto, prima un avanti e poi una touche rubata nell’unica azione al 70’ in cui entra nei 22 metri con un’azione prolungata. Tutto il resto è Francia. Se non si fosse fatta rubare 3 touche in attacco avrebbe forse segnato prima. La scossa è data dall’entrata del mediano di mischia Laure Sansus, incontenibile. Al 58’ con una partenza veloce da calcio semina il panico e poi fa viaggiare l’ovale al largo per la meta di Lea Murie. Al 75’ è l’altra impact player Emilie Boulard, di solito titolare come la Sansus, ad andarsene con una galoppata poderosa su azione nata da palla rubata a terra a centrocampo. Al 78’ chiude il conto l’estremo Cloe Jacquet, ancora su break decisivo di Sansus.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/6-nazioni/27-03-2022/sei-nazioni-femminile-francia-batte-italia-39-6-esordio-4302049329650.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: