L'Inghilterra è un incubo: l'Italrugby femminile travolta 74-0

L'Inghilterra è un incubo: l'Italrugby femminile travolta 74-0

Allo stadio Lanfranchi di Parma l’Italia è travolta come previsto dall’Inghilterra nella 2ª giornata del Tik Tok Sei Nazioni femminile di rugby. Non era previsto invece il punteggio, 74-0 (12 mete), peggiore sconfitta di sempre negli scontri diretti fra le due squadre. Il record precedente (76-6) risaliva al 2008. Grande amarezza quindi per le azzurre. Oltre a riuscire a segnare alle inglesi per la quinta gara di fila una meta (di Valentina Ruzza l’ultima nel 2018, 42-7 a Reggio Emilia) vedono allargarsi il gap con l’armata professionistica delle Red Roses. Nella ripresa debutto in Nazionale per il pilone Francesca Barro, 22 anni, trevigiana.

PRIMO TEMPO

—   Gara subito a senso unico. L’Inghilterra domina possesso e territorio. Deborda fisicamente e nel ritmo. Egemonizza la conquista in mischia e touche. Il risultato sono le 5 mete segnate nonostante l’encomiabile attitudine difensiva delle azzurre, che spesso frenano, o fermano con turn over e costringendo al fallo, le travolgenti avanzate inglesi. Un dato sull’efficacia difensiva: tutte le mete vengono su pick ang go, maul o avanzate di forza con gli avanti. Tutte le azioni manovrate e di passaggi in multifase invece sono fermate. Unica pecca dell’Italia la frenesia e gli errori di gestione nei rari momenti di possesso costati due marcature. La seconda al 14’ di Thompson nata da calcio di liberazione stoppato a Madia. La quarta al 27’ di Brown scaturita da una penaltouche non trovata. Altro rammarico: le azzurre mettono piede nei 22 metri solo due volte sprecando l’occasione di segnare. Al 7’ facendosi rubare la touche. Al 39’, dopo un profondo break sull’asse Stefan-Muzzo, calciando dietro la difesa per il comodo mark inglese.

SECONDO TEMPO

—   Nella ripresa le cose, se possibile, vanno ancora peggio. Nessuna visita dell’Italia nei 22 metri avversari. Possesso quasi inesistente. L’unica azione d’attacco al 58’ la doppia percussione di Sara Tuonesi arrivata fino a metà campo, ma qui sull’off load la palla cade in avanti. E a 10’ dal termine il cartellino giallo a Beatrice Rigoni per fallo a terra rende il finale ancora più difficile. Le inglesi invece continuato imperterrite con la stessa ferocia. Trovando a differenza del primo tempo anche mete costruite in multifase e nel gioco aperto come al 41’ (Thompson) e 51’ (Bern). La 12ª meta al 79’ certifica la tripletta di Lydia Thompson e lo scarto maggiore nella sfide tra le due nazionali.

LA SITUAZIONE

—   Classifica: Inghilterra, Francia e Galles 10 punti; Scozia 1; Irlanda, Italia 0. Terzo turno: sabato 9 aprile Inghilterra-Galles; domenica 10 aprile Scozia-Francia, Irlanda-Italia.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Rugby/6-nazioni/03-04-2022/sei-nazioni-femminile-italia-travolta-inghilterra-0-74-4302147354532.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: