Rugbyrugby / pro 14

Rugbyrugby / pro 14

Marcello Violi apre il gioco. Fama

Niente tris del Benetton nel derby. La stagione regolare del Pro 14 si chiude con la settima vittoria delle Zebre, mai così bene nella lega celtica". Il piede (e non solo) di Marcello Violi consegna alle Zebre la terza sfida stagionale fra le franchigie italiane, ribaltando il pronostico, dopo che i primi due, lo scorso dicembre, avevano visto prevalere Treviso. Stavolta invece, la franchigia parmense gela uno stadio di Monigo finalmente al completo, confezionando il 22-17 nella partita che chiude il campionato celtico delle italiane.
il match — Gara combattuta e tesa, anche se ben poco spettacolare, come ogni derby che si rispetti. Castello e soci puniscono l’indisciplina dei biancoverdi trovando dalla piazzola i punti necessari per riagguantare e poi superare i padroni di casa. Eppure Treviso era partito secondo aspettative, sfondando al 22’ dopo un insistito multifase: Tebaldi raccoglie dalla mischia, rapida trasmissione da Ioane a Sgarbi, con il capitano biancoverde che schiaccia e può gioire, dopo il benestare via Tmo sulla regolarità dei passaggi. Ma Castello e compagni dimostrano subito di voler concludere al meglio la propria annata. Accorcia Violi dieci minuti dopo, su punizione per un fuorigioco trevigiano davanti i pali. Poi proprio allo scadere della prima frazione, il pack zebrato trascina gli avversari fin oltre la linea: a mettere la firma sul sorpasso è Sisi. L’errore di Canna nella conversione, però, limita a un punto (7-8) il vantaggio ospite. Il match si accende nel secondo tempo: a schiacciare l’interruttore è ancora l’apertura, reattiva a tuffarsi in bandierina sull’assist di Bellini. Nuova risposta dei Leoni ancora con Sgarbi, in meta nonostante il tentativo di placcaggio di due avversari, e poi con Allan, doppiamente preciso nella trasformazione e nel penalty concesso per un offside: sul 17-12 all’11' della ripresa il Benetton prova a premere sull’aceleratore per chiudere i giochi. Ma sono le Zebre a riconquistare rapidamente il possesso e a portarsi a più riprese nei 22, costringendo i trevigiani al fallo, spesso da comoda posizione. E qui è protagonista Violi: il mediano azzurro centra tre volte su tre i pali. Il ko definitivo è segnato. Il record di vittorie stagionali di Treviso si ferma a undici, negli spogliatoi può esplodere la gioia della squadra di Bradley, nonostante il successo 47-10 del Connacht contro il Leinster releghi i ducali ancora all’ultimo posto del girone A. Ma è già tempo di pensare al prossimo campionato.