6 nazioniRugby

6 nazioniRugby

La meta di Matteo Minozzi (Pino Fama)

L’Italia perde 29-27 anche l’ultima partita del Sei Nazioni in una gara che l’ha vista in vantaggio per settanta minuti dopo un grande primo tempo e tre mete (due di Allan e una di Minozzi). L’Italia si accontenta del punto per bonus difensivo evitando di chiudere a zero punti. Non consola molto il premio di man of tre match per Tommaso Allan.
buon avvio — Italia parte subito all’attacco e con caparbietà guadagna metri verso la linea di meta scozzese in una lunghissima azione fino a ottenere un calcio piazzato al settimo che Allan non sbaglia. La Scozia risponde con veemenza bucando la difesa azzurra prima con Seymour poi con Finn Russell, la conclusione in meta è di Fraser Brown, Laidlaw non trasforma. Ancora l’Italia che spinge nella metà campo scozzese e viene premiata al 14’ con la meta di Allan dopo una touche per gli azzurri. Il numero 10 trasforma portando avanti gli azzurri 10-5. L’Italia domina come possesso palla e aggredisce gli spazi fino a trovare la seconda meta con un infinito Minozzi (4 mete in 5 partite) al 21’. Allan trasforma per il 17-5. Ancora una reazione degli ospiti che dopo una touche sfondano con la meta di Barclay trasformata da Laidlaw. L’inerzia dell’azione si sposta nel campo italiano con gli scozzesi che spingono e mantengono di più il possesso palla. Gli azzurri sventano una pericolosissima azione a ridosso della linea di meta costringendo gli scozzesi al fallo. Il primo tempo si conclude con l’Italia in attacco fermata in due occasioni dall’arbitro per un placcaggio alto e poi dalla difesa scozzese.
SECONDO TEMPO — La Scozia rientra in campo con la prima linea cambiata in blocco, l’Italia invece è la stessa e al secondo minuto buca la difesa scozzese con Negri che va in meta ma l’arbitro Gauzere annulla per passaggio in avanti in una fase precedente. Meta solo rimandata: tre minuti dopo Polledri di forza buca e poi lancia Allan a meta. Lo stesso numero 10 trasforma per il 24-12. La prima sostituzione dell’Italia arriva al 12’ con Steyn per Zanni. La Scozia preme ma l’Italia regge anche in difesa. Mentre O’Shea comincia a pescare dalla panchina (Benvenuti esce per un trauma cranico e viene sostituito da Hayward) Sean Maitland arriva in meta e la Scozia si avvicina 24-19 al 22’. Italia in difficoltà, comincia a fare errori e si disunisce faticando ad arginare la spinta scozzese. Inevitabile il sorpasso al 31’ con la meta di Stuart Hogg e trasformazione di Laidlaw. È 24-26. Al 35’ arriva il piazzato di Allan da 35 metri concesso per fallo di Gray (non si è spostato dopo il placcaggio) e gli azzurri controsorpassano. Ma al 78’ ancora un piazzato ridà il vantaggio, definitivo, alla Scozia.