RugbyRUGBY PRO 14

RugbyRUGBY PRO 14

Maxime Mata Mbandà in touche. Fama

Con un parziale di 15-0 negli ultimi 10’ le Zebre ribaltano Connacht, tornano alla vittoria (24-10 il finale) che mancava dal 30 settembre (sempre in casa contro Ulster) e riaprono i giochi per il quarto posto nella Conference A arrivando a 3 punti da Cardiff e a 2 dagli stessi irlandesi. Nel primo tempo le Zebre hanno costruito il vantaggio grazie ai due calci messi tra i pali da Carlo Canna e con una difesa aggressiva, ma allo stesso tempo attenta a non permettere a Connacht di aprire spazi per i trequarti, leit motiv della squadra di Galway nelle ultime stagioni. Sul taccuino delle Zebre mancano però i punti che sarebbero potuti arrivare da un contrattacco 3 contro 1 su cui Bisegni ha sbagliato il passaggio che avrebbe liberato Venditti e da un’altra azione a ruoli invertiti in cui l’ala liberata da un calcio di Canna non ha trovato la misura per servire Bisegni.
finalone — Così ad inizio secondo tempo ha iniziato a materializzarsi la possibile beffa quando dopo 5’ con Connacht in attacco nei 22 delle Zebre Mbandà ha strappato il pallone ad un avversario ma non è riuscito subito a trasmettere l’ovale che ha continuato a rotolare. L’arbitro Clancy è sembrato in un primo tempo assegnare il vantaggio per la mischia a favore dei bianconeri, poi ha riabbassato il braccio e con la difesa ferma Farrell ha schiacciato indisturbato la meta del sorpasso di Connacht. Due calci di Canna e Carty hanno firmato il 9-10 al 67’. Da lì in poi le Zebre hanno finalmente trovato quel pizzico di concretezza necessaria per vincere la partita. Alla mezz’ora il calcio di Canna ha scavalcato la prima linea di difesa irlandese ed ha trovato l’inserimento vincente a tutta velocità di Meyer. Quindi Lovotti è andato a stoppare una liberazione di Carty mantenendo le Zebre in zona offensiva e dare la possibilità di costruire il drop con cui Canna ha portato i suoi oltre il break. A chiudere i conti è arrivata la meta di Venditti al 38’: Fabiani ha rubato palla nel punto d’incontro con Connacht a 5 metri dalla meta che avrebbe riaperto i giochi, Minozzi ha liberato e poi ha risalito a tutta velocità per andare a placcare il contrattaccante a metà campo e rubargli il possesso che ha lanciato il contrattacco all’ala di Bisegni chiuso poi di prepotenza da Venditti.